CANTI

TERZA  DOMENICA DEL TEMPO DI QUARESIMA 

 

1. VIVERE LA VITA 

 

1. Vivere la vita

con le gioie e coi dolori di ogni giorno

è quello che Dio vuole da te.

Vivere la vita

e inabissarti nell’amore è il tuo destino,

è quello che Dio vuole da te.

 

Fare insieme agli altri 

la tua strada verso Lui

correre con i fratelli tuoi…

Scoprirai allora il cielo dentro di te,

una scia di luce lascerai.

 

2. Vivere la vita

è l’avventura più stupenda dell’amore

è quello che Dio vuole da te.

Vivere la vita

è generare ogni momento il Paradiso

è quello che Dio vuole da te.

 

Vivere perché ritorni al mondo l’unità,

perché Dio sta nei fratelli tuoi…

Scoprirai allora il cielo dentro di te

una scia di luce lascerai. (2 volte)

 

2. RESPONSORIO

 

Fammi conoscere Signore le tue vie,

insegnami i tuoi sentieri.

 

3. IL SIGNORE È LA LUCE

 

1. Il Signore è la luce che vince la notte:

gloria, gloria cantiamo al Signore. (bis)

 

2. Il Signore è l’amore che vince il peccato:

gloria, gloria cantiamo al Signore. (bis)

 

3. Il Signore è speranza di un nuovo futuro:

gloria, gloria cantiamo al Signore. (bis)

 

4. Il Signore è la gioia che vince l’angoscia:

gloria, gloria cantiamo al Signore. (bis)

 

5. Il Signore è la vita che vince la morte:

gloria, gloria cantiamo al Signore. (bis)

 

4. NEL PANE OFFRIAMO A TE

 

Nel pane offriamo a te, la nostra vita,

con la fatica del nostro lavoro;

nel vino offriamo a te il nostro grazie,

col cuore pieno di felicità.

 

O Padre accettali, Padre trasformali,

in essi donaci Cristo Gesù.

In Lui accoglici, in Lui trasformaci

 

5. RESTO CON TE

Seme gettato nel mondo, 

Figlio donato alla terra,

 Il tuo silenzio custodirò

 In ciò che vive e che muore

Vedo il tuo volto d’amore:

Sei il mio Signore e sei il mio Dio

 

Io lo so che Tu sfidi la mia morte 

Io lo so che Tu abiti il mio buio

Nell’attesa del giorno che verrà

Resto con Te.   

         

Nube di mandorlo in fiore 

dentro gli inverni del cuore

è questo pane che Tu ci dai

Vena di cielo profondo 

dentro le notti del mondo

è questo vino che Tu ci dai.

          

Io lo so che Tu sfidi la mia morte

Io lo so che Tu abiti il mio buio

Nell’attesa del giorno che verrà

Resto con Te.

Tu sei Re di stellate immensità

E sei Tu il futuro che verrà

Sei l’amore che muove ogni realtà

E Tu sei qui… Resto con Te

 

6. SERVIRE È REGNARE

Guardiamo a te che sei

Maestro e Signore:

Chinato a terra stai,

Ci mostri che l’amore

È cingersi il grembiule,

Sapersi inginocchiare,

C’insegni che amare è servire.

 

Fa’ che impariamo, Signore, da Te,

Che il più grande è chi più sa servire,

Chi s’abbassa e chi si sa piegare,

Perché grande è soltanto l’amore.

 

E ti vediamo poi,

Maestro e Signore,

Che lavi i piedi a noi

Che siamo tue creature

E cinto del grembiule,

Che è il manto tuo regale,

C’insegni che servire è regnare.

 

Fa’ che impariamo, Signore, da Te,

Che il più grande è chi più sa servire,

Chi s’abbassa e chi si sa piegare,

Perché grande è soltanto l’amore.

 

7. ASCOLTERÒ LA TUA PAROLA

 

1. Ascolterò la tua Parola,

nel profondo del mio cuore io l’ascolterò.

E nel buio della notte

la Parola come luce risplenderà.

 

2. Mediterò la tua Parola,

nel silenzio della mente la mediterò.

Nel deserto delle voci

la Parola dell’amore risuonerà.

 

3. E seguirò la tua Parola,

sul sentiero della vita io la seguirò.

Nel passaggio del dolore

la Parola della croce mi salverà.

 

4. Custodirò la tua Parola,

per la sete dei miei giorni la custodirò.

Nello scorrere del tempo

la Parola dell’eterno non passerà.

 

5. Annuncerò la tua Parola,

camminando in questo mondo io l’annuncerò.

Le frontiere del tuo Regno,

la Parola, come un vento, spalancherà.