SECONDA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

MENTRE PASSAVA DI LÁ … 

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Giovedì scorso, mentre facevamo l’incontro sulla Parola di Dio della domenica, mi chiedevo: “ma come mai, duemila anni circa dopo che è stata scritta questa pagina del vangelo come questa  ci sono ancora delle persone che … si accorgono che passa Gesù e in modo molto diversificato cercano di fare attenzione alla sua presenza?”. Oggi ci sono tante distrazioni, ci sono tanti riferimenti; una volta era molto più immediato, non c’erano quasi alternative. Eppure c’è ancora qualcuno. Qualcuno seriamente interessato al Signore Gesù.

Vorrei soffermarmi allora sulle due domande che costituiscono il dialogo che inaugura tutti i cammini nei quali ci mettiamo a seguire qualcuno o qualcosa: “che cosa cercate?” e “dove dimori?

COSA CERCATE? Ci sono certe parole e certe domande che non vorremmo mai farci, ma sono quelle dalle quali dipende tutto il senso della vita. “Cosa cerco io? Cosa cerco per me? Cosa cerco quando mi trovo davanti a Gesù e alla sua Parola? “. A seconda della mia risposta iniziano oppure no i cammini. Eppure è una domanda così difficile… Sarà significativo che sono le prime parole che pronuncia Gesù? Sarà significativo che invece di imporre qualcosa sollecitino anzitutto il bisogno di una consapevolezza? Un Gesù che si propone e che non si impone in nessun modo, che dice che la scoperta della SUA identità dipende dalle COSE che noi cerchiamo è molto interessante.  Solo nella cura di quel legame la possibilità di una risposta.  

DOVE DIMORI? Già, perchè è là dove “dimoriamo”, ossia dove stanno i nostri pensieri, le radici della nostra libertà, i nostri desideri e i nostri sogni che costruiamo la nostra identità.  Parlavo con una persona amica del tempo, ci dicevamo che il tempo non dipende da noi, anzi, è molto variabile, sorprendente e infingardo, a volte, ma sicuramente dipende da noi il nostro modo di abitarlo, di viverlo e di starci dentro. Ora il nostro “stare” dipende da “dove decidiamo di stare”. I discepoli avevano capito che lo STARE di Gesù aveva qualcosa di particolare. 

Anche oggi e domani il nostro sguardo – attento – si accorgerà che “Gesù stava passando di là”; ossia, passa e passerà, ma il fruscio del suo andare, se noi lo vogliamo, potrà diventare consistenza di una permanenza significativa perchè ha trovato in noi e nei nostri cuori … una dimora. 

“Dove dimori Maestro?” … In chi ti accoglie! Di lì ogni trasformazione, di lì il Mondo e il Creato con un volto nuovo, di lì il senso di responsabilità riacceso nei confronti della nostra storia e della Società. Passando, cercando e dimorando in Colui che è in grado di farci sempre nuovi! 

FESTA DEL BATTESIMO DI GESÚ

INFERNI… 

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».
Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

 Stamattina leggevo questa bella citazione tratta dal libro LE CITTÁ INVISIBILI  di Italo Calvino: “L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”.

Mi ha colpito perchè penso a quante volte – vivendo oggi la festa del Battesimo di Gesù –   la celebrazione urgente di questo sacramento, soprattutto fino a qualche anno fa,  veniva  legata proprio alla paura dell’inferno. E magari bastava quel rito apotropaico  e vagamente magico per deresponsabilizzarsi per sempre, tanto, al massimo, se l’avevi ricevuto, ma nella vita te ne dimenticavi, “ti facevi solo un po’ di purgatorio”.

Una concezione un po’ antievangelica, a dire il vero, perchè il senso del Battesimo non è tanto quello di avere paura di finire all’inferno, ma di “mettersi in fila” con Gesù non arrestati dalla paura della morte, ma vivificati ed energizzati dal desiderio di vivere e portare vita, come Lui ci ha insegnato. Un modo umano. Un modo di chi sa “mettersi in fila con gli altri” e con chi ha bisogno. Un modo che appartiene a chi sente lo sguardo benedicente e benevolente di Dio su di sé. E questo, insieme! In una comunità che diventa parrocchiale perchè fa accadere questo desiderio di vita proprio “tra le case” e nelle case, le nostre. Siamo privilegiati perchè l’attenzione e l’apprendimento continui ci vengono forniti ogni volta che accogliamo la buona notizia del Vangelo, – da soli o in Chiesa – con il cuore vigile e accogliente.

Non so se D’Avenia avesse in mente questa frase quando ha scritto il suo romanzo CIÓ CHE INFERNO NON É, dove racconta la vita di don Puglisi, il quale, nell’inferno del Brancaccio cerca con tutte le sue forze di ridare vitalità e mentalità nuove a chi veniva soffocato dalle logiche della mafia. Uno  splendido dono per ridare vita agli altri e dare la propria sino alla fine. Che meraviglia pensare così il Battesimo! Insieme, e con Gesù. 

IL VIAGGIO DEI MAGI

Riporto la famosissima e bellissima poesia di Eliot, fa sempre bene leggerla in questa giornata dedicata a loro e ai cercatori di Dio …

(La poesia Il viaggio dei Magi scritta da T. S. Eliot e pubblicata nel 1927).

“Fu un freddo avvento per noi,
proprio il tempo peggiore dell’anno
per un viaggio, per un lungo viaggio come questo:
le vie fangose e la stagione rigida, nel cuore dell’inverno.
E i cammelli piagati, coi piedi sanguinanti, indocili,
sdraiati nella neve che si scioglie.
Vi furono momenti in cui noi rimpiangemmo
i palazzi d’estate sui pendii, le terrazze,
e le fanciulle seriche che portano il sorbetto.
Poi i cammellieri che imprecavano e maledicevano
e disertavano, e volevano donne e liquori,
e i fuochi notturni s’estinguevano, mancavano ricoveri,
e le città ostili e i paesi nemici
ed i villaggi sporchi e tutto a caro prezzo: ore difficili avemmo.
Preferimmo alla fine viaggiare di notte,
dormendo a tratti,
con le voci che cantavano agli orecchi, dicendo
che questo era tutto follia.

Poi all’alba giungemmo a una valle più tiepida,
umida, sotto la linea della neve, tutta odorante di vegetazione;
con un ruscello in corsa ed un mulino ad acqua che batteva buio,
e tre alberi contro il cielo basso,
ed un vecchio cavallo bianco al galoppo sul prato.
Poi arrivammo a una taverna con l’architrave coperta di pampini,
sei mani ad una porta aperta a dadi monete d’argento, e piedi davano calci agli otri vuoti.
Ma non avemmo alcuna informazione, e così proseguimmo
ed arrivati a sera non solo un momento troppo presto
trovammo il posto; cosa soddisfacente (voi direte).

Tutto questo fu molto tempo fa, ricordo,
e lo farei di nuovo, ma considerate
questo considerate
questo: ci trascinammo per tutta quella strada per una
Nascita o una Morte? Vi fu una Nascita, certo,
ne avemmo prova e non avemmo dubbio. Avevo visto nascita e morte,
ma le avevo pensate differenti; per noi questa Nascita fu
come un’aspra ed amara sofferenza, come la Morte, la nostra morte.
Tornammo ai nostri luoghi, ai nostri Regni,
ma ormai non più tranquilli, nelle antiche leggi,
fra un popolo straniero che è rimasto aggrappato ai propri idoli.
Io sarei lieto di un’altra morte”.

 

 

SECONDA DOMENICA DOPO NATALE

E LUCE SIA!

 Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni 


Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei  cieli in Cristo. In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo,  secondo il disegno d’amore della sua volontà,  a lode dello splendore della sua grazia, di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.
Perciò anch’io [Paolo], avendo avuto notizia della vostra fede nel Signore Gesù e dell’amore che avete verso tutti i santi, continuamente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie preghiere, affinché il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi.

Buona domenica a tutti! Oggi vorrei condividere con voi delle espressioni usate da Paolo scritte ai cristiani di Efeso, usate nella Seconda Lettura della Messa, visto che il Vangelo del Prologo di Giovanni lo abbiamo già sentito e meditato. Anzitutto Paolo dice: BENEDETTO DIO PADRE DEL SIGNORE NOSTRO GESÚ CRISTO! Per cosa? “Perchè ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale in Cristo!”. Paolo prende coscienza di essere stato benedetto dal Signore. Che non è la gioia di chi sa che tutto va bene, ma di chi sente che la sua vita ha senso di gioia e di felicità perchè chi la accompagna, se vogliamo, è un Padre. Andrà come andrà, ma le fondamenta terranno in piedi la casa, nonostante tutto. La benedizione di Dio è Gesù di Nazareth che ha introdotto nel mondo il cielo, quella che Giovanni chiama “la luce che ha vinto le tenebre!” La vita secondo la carne noi la riceviamo dalla terra, dalla nostra temporalità, dai nostri limiti. Questa non ci basta. Sentiamo che ci manca sempre qualcosa.  La vita di cui ci parla il Vangelo, che è in grado di dare senso alla nostra secondo la carne, è  vita caratterizzata dall’amore e vuole che l’altro viva e sia felice, scoprendo che lo spirito e la carne non sono in opposizione ma si cercano per dare vita a “creature nuove”. Quando lo vogliamo per noi entra nel mondo una vita nuova, quella di Dio stesso. Entra nel mondo quella benedizione che vive quando diventa scambio tra noi, Gesù e il Padre dei cieli. CI HA SCELTI PRIMA DELLA CREAZIONE DEL MONDO: è come dire: “per me tu sei unico”; per che cosa? PER ESSERE SANTI E IMMACOLATI NELL’AMORE: santi perchè lasciati coinvolgere dal Santo per eccellenza che è il Padre dei Cieli. Dio vuole solo un sacrificio, una vita di amore. Le altre cose non gli interessano. Inoltre CI HA PREDESTINATI A ESSERE FIGLI IN CRISTO: Dio non predestina alcuni alla salvezza e altri alla perdizione, ma solamente a diventare Figli di Dio in Gesù, salvati da Lui e con una vita senza fine.  Eventualmente siamo noi a scegliere altre strade.  VI DIA UNO SPIRITO DI SAPIENZA E DI RIVELAZIONEILLUMINI GLI OCCHI DEL VOSTRO CUORE PER CAPIRE A QUALE SPERANZA VI HA CHIAMATI  La Chiesa, allora,  è quella parte di umanità che ha capito la benedizione in Gesù di Nazareth e cerca  di rendere vivi i lineamenti dell’uomo nuovo da lui incarnati. Sono i lineamenti di chi vuole rendere felici e donare vita a tutti. E Paolo chiede per la comunità dei cristiani di Efeso lo spirito della rivelazione e della sapienza che accompagnino sempre i loro cammini orientando alla speranza, con gli occhi del cuore illuminati e ben aperti sull’ “autore della vita!”. 

PER FERMARSI UN ATTIMO A PREGARE A FINE ANNO…

2020-2021

Carissimi,

vi lascio un bel testo per pregare. Sarebbe bello fermarsi in silenzio, magari accendendo una candela, per pensare le parole che rivolgiamo al Signore.

AUGURI DI UN ANNO BUONO E POSSIBILMENTE MIGLIORE PER TUTTI!

 

“Signore,

alla fine di questo anno voglio ringraziarti…

per tutto quello che ho ricevuto da te,

grazie per la vita e l’amore,

per i fiori, l’aria e il sole,

per l’allegria e il dolore,

per quello che è stato possibile

e per quello che non ha potuto esserlo.

 

Ti regalo quanto ho fatto quest’anno:

il lavoro che ho potuto compiere,

le cose che sono passate per le mie mani

e quello che con queste ho potuto costruire.

 

Ti offro le persone che ho sempre amato,

le nuove amicizie, quelli a me più vicini,

quelli che sono più lontani,

quelli che se ne sono andati,

quelli che mi hanno chiesto una mano

e quelli che ho potuto aiutare,

quelli con cui ho condiviso la vita,

il lavoro, il dolore e l’allegria.

 

Oggi, Signore, voglio anche chiedere perdono

per il tempo sprecato, per i soldi spesi male,

per le parole inutili e per l’amore disprezzato,

perdono per le opere vuote,

per il lavoro mal fatto,

per il vivere senza entusiasmo

e per la preghiera sempre rimandata,

per tutte le mie dimenticanze e i miei silenzi,

semplicemente… ti chiedo perdono.

 

Signore Dio, Signore del tempo e dell’eternità,

tuo è l’oggi e il domani, il passato e il futuro, e, all’inizio di un nuovo anno,

io fermo la mia vita davanti al calendario

ancora da inaugurare

e ti offro quei giorni che solo tu sai se arriverò a vivere.

 

Oggi ti chiedo per me e per i miei la pace e l’allegria,

la forza e la prudenza,

la carità e la saggezza.

Voglio vivere ogni giorno con ottimismo e bontà,

chiudi le mie orecchie a ogni falsità,

le mie labbra alle parole bugiarde ed egoiste

o in grado di ferire,

apri invece il mio essere a tutto quello che è buono,

così che il mio spirito si riempia solo di benedizioni

e le sparga a ogni mio passo.

 

Riempimi di bontà e allegria

perché quelli che convivono con me

trovino nella mia vita un po’ di te.

Signore, dammi un anno felice

e insegnami e diffondere felicità.

Nel nome di Gesù, amen”.

FERIE DI NATALE

BUON NATALE A TUTTI! 

Carissimi tutti, ma proprio tutti,  

Auguri di Buon Natale! Qualcuno, magari,  se li aspettava PRIMA questi auguri, io invece li faccio DOPO, e lo faccio apposta, perchè noi uomini, in generale, abbiamo una pessima abitudine: aspettare che capitino le cose, prepararci per farle nel modo migliore, e poi? Una volta che si realizzano le dimentichiamo! Facendo così, però, buttiamo all’aria sia i nostri impegni di preparazione che il senso delle cose che celebriamo. 

Pensiamo al Natale: 

Ci si prepara per quattro settimane, con calendari di Avvento, impegni vari,  qualche incontro, le corse per andare a comperare dei regali con il terrore di dimenticare qualcuno; addirittura si fanno delle novene di preghiera che ci richiedono magari di uscire di casa anche dopo cena, e poi? Tutto finito lì, in quel ripetitivo e sfiancante rito semi pagano che lascia il tempo che trova e  che quest’anno ci ha privato anche della presenza dei nostri cari; per rimanere un po’ confusi e storditi alla fine del giorno di festa, con lo stomaco eventualmente appesantito, la tristezza che ci strema con il calare delle tenebre,  a domandarsi con un cerchio alla testa: “ma cosa è successo”? 

Proprio così: “cos’è successo?” Ma questo ennesimo Natale del Figlio di Dio che cosa ha significato per me? 

Qualcuno potrebbe dire: “proprio niente! Tutto come prima!”

Bene, scrivo per ricordare una cosa importante: NATALE INIZIA ADESSO! “Adesso” ho la possibilità di ripensare un attimo le cose, “adesso” il bimbo che nasce, come ci ricordava Matteo ha bisogno di essere “messo alla luce”, “avvolto nelle fasce” della mia cura e della mia attenzione, “deposto nella mangiatoia” del cibo di cui mi nutro per alimentare la mia vita. Natale non è finito, inizia solo ora! 

Il lavoro della mamma non finisce dopo 9 mesi di attesa, ma continua e ricomincia in modo nuovo, diverso e trasformato alla nascita del figlio … 

Non dimentichiamolo, altrimenti festeggiamo la festa della morte… la nostra, però.  

Don Luigi 

QUARTA DOMENICA DI AVVENTO

 “SECONDO LA TUA PAROLA” 

Ciao a tutti! 

É tempo di costruzioni, tempo di costruire una casa, o meglio, quell’abitazione che sia luogo di ospitalità, di accoglienza e amore che tutti sogniamo di avere e di sentire profondamente nostra. 

Chi di noi non fantastica una “casa dei sogni”, che sia soltanto sua, dove ci si muova senza chiedere il permesso ad altri, che si possa arredare secondo il proprio gusto e che possa diventare un bellissimo luogo di incontro e scambi? 

La Parola ci ammaestra e lo fa attraverso il Re Davide e Maria, raccontandoci che il primo ad avere questo sogno era Dio stesso … 

Tu mi costruirai una casa?” Davide sta invecchiando, sente che ha raggiunto un livello di potenza, prestigio e importanza tale per cui non manca più nulla a quanto può desiderare un grande re. Tuttavia è consapevole che se è quello che è, lo deve esclusivamente a Dio, a Colui che l’ha cresciuto ed è stato il Pastore dei pascoli della sua vita. Decide allora di fargli una casa e Dio, prontamente, gli risponde attraverso il profeta Natan: “Il Signore ti annuncia che farà a te una casa”. Perché di questo dobbiamo avere consapevolezza: il nostro legame con Dio è anzitutto a servizio di ciò che Lui costruirà per noi e attraverso di noi e non anzitutto un impegno e un compito che noi facciamo. Amare significa anche essere capaci di ricevere, accogliere e vedere i segni che ci sono fuori di noi e gratuitamente ci raggiungono e interpellano. Permetto a Dio di costruire qualcosa dentro di me? Come? Che cosa? 

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te»”. Inizia così il Vangelo dell’annuncio della nascita di Gesù a sua Madre. Dio scende in una casa. Una casa di quattro mura, ma ancora prima una casa che è un cuore che sa ascoltare e un grembo materno che sa accogliere e fare spazio alla sorpresa di una notizia così strana dell’Angelo: “com’è possibile?”. Anche qui, Maria, come Davide, diventa destinataria di una costruzione, quella della carne e del corpo del Figlio di Dio, che a Natale diventa figlio di donna, figlio come noi, risposta di amore di una mamma. In che cosa il mio cuore e la mia intelligenza fanno nascere la presenza di Gesù nella mia storia? 

Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile”. Il messaggio di Dio coglie due persone in una condizione un po’ particolare relativamente alla maternità: una era una ragazzina non ancora sposata e l’altra una donna sterile, ormai avanzatissima negli anni. Il concepimento del figlio per entrambe, esattamente di Gesù per Maria e di Giovanni per Elisabetta, non vuole essere la cronaca di un fatto fisico, ma racconta la consapevolezza che là dove la vita non dovrebbe ancora e non potrebbe più nascere, in realtà è resa possibile dalla promessa della Parola di Dio che riapre il varco della speranza a dispetto di ogni porta chiusa che la dura realtà sbatte in faccia a ognuno di noi in mille modi. 

Il Vangelo ci consegna allora il PROGETTO che rende possibile la costruzione della casa nuova: “Eccomi, avvenga per me secondo la tua Parola!” 

“E la Parola (il Verbo) si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. (Gv. 1)  Anche tra noi? 

TERZA DOMENICA DI AVVENTO

TEMPO PER … TESTIMONIARE! 

Carissimi, 

continua il nostro cammino di Avvento e ognuno lo fa a modo suo. 

Sicuramente ci ricorderemo per tutta la vita le festività del 2020, perché c’era il Covid, perché si viveva una situazione assurda, perché era l’anno che tutte le nostre certezze sembravano essere improvvisamente annullate e tutto sembrava cibarsi di precarietà e insensatezza. 

Noi non ci vogliamo rassegnare. Proprio come Israele. La Parola di Dio della domenica racconta delle situazioni molto simili alle nostre: l’esilio, la sensazione dell’abbandono, il desiderio di trovare stabilità sono sempre state vive nel cuore del popolo eletto, che, negli “Egitti” di tutti i giorni, ha saputo trovare nell’invocazione e nella memoria della Parola la forza per continuare a camminare. Nella “super realistica realtà” che ci contraddistingue e senza concessioni a languidi spiritualismi. La Bibbia, come la nostra storia, è il racconto  dell’intreccio tra la nostra realtà e l’ospitalità di Gesù che la sostiene, la motiva, la dirige facendola  procedere, se noi lo consentiamo. 

Per riflettere … 

“Mi ha mandato a portare il lieto annuncio”: all’inizio dell’Avvento e del Natale ci stanno anzitutto queste intenzioni. Le intenzioni di Dio di “inviare” un “servo” (che non è lo schiavo, ma il “maggiordomo”, la persona di fiducia che ha potere sulla casa) che porti il lieto annuncio che si compirà nel Natale. Cercare di “ricordare” di essere salvati da una promessa e provare a viverla è il senso di ogni cammino. 

Quanto vengo raggiunto in profondità dalla Parola di Dio? Il suo ricordo anima positivamente i miei pensieri? 

Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono”: un “metodo di Avvento”,  in grado di educare i nostri sguardi e i nostri pensieri. Avvento è “venuta” di una novità di vita, del Figlio di Dio che è la possibilità di una vita nuova per tutti. 

Di forte alla realtà riesco a percepire il “buono” che c’è, anche se mi interpella in modo scomodo e imprevisto? 

“Che cosa dici di te stesso?” A volte, come Giovanni, sappiamo che cosa NON siamo, ma ci viene difficile dare una definizione precisa di noi stessi …. 

Il lavoro sulle nostre identità sicuramente apre la possibilità di nuove strade e nuovi orizzonti. Se non sai CHI sei non puoi neanche pensare a COME vivere. 

La mia identità corrisponde ai desideri del mio cuore? Mi definisco o mi lascio definire da altro?

Buona continuazione di cammino!