IL Divin Maestro … CASA NEL DESERTO

Buongiorno a tutti! 

Buongiorno a tutti i parrocchiani, gli amici, i lettori, quelli che passano qui per caso.

Stiamo  vivendo una situazione anomala: famiglie, parrocchia, amici, reti di persone … tutto sembra così strano, anche se dietro una cortina di ”apparente” normalità, che  ci fa sembrare che la vita “vada avanti normalmente”. 

Sappiamo che le cose non stanno così. 

Se ne sono dette tante. E si continua. 

Io ci ho pensato. Mi pare che in fondo, come diceva Qoelet, non ci sia mai nulla di così nuovo sotto il sole. Anche la situazione che stiamo vivendo. I problemi appartengono alla normalità della vita.

Mi piacerebbe che questo problema diventasse per noi un’opportunità… per riflettere, ridimensionarsi, sognare, fare delle cose che non avremmo mai tempo di fare, accorgersi nuovamente delle persone che vivono a “km 0” da noi.

Magari scoprendo che i fatti della vita ci riguardano sempre: tutti e contemporaneamente. 

Magari pensando al fatto che uno starnuto fatto in Cina può arrivare fino ad Alba. Già, siamo tutti collegati. 

Stare in casa ci porta inevitabilmente a restringere i nostri rapporti. A guardare negli occhi di coloro che magari, per un po’ di tempo, avevamo perso, oppure a  guardare nei nostri occhi, per scoprire cosa c’è lì dietro, per rituffarci nel nostro cuore e, in dialogo con quanto ci interpella continuamente, provare a dare delle nuove risposte e delle nuove possibilità a noi stessi. 

Non è questo il senso della Quaresima? Un deserto, che però può portare alla vita, quando decidiamo di non fare finta di nulla, ma di affrontare per quello che ci sta suggerendo. 

Da parte mia – essendo il sito della nostra Parrocchia una meravigliosa opportunità per non rimanere soli ma sempre in contatto (per chi vuole) – continuerò a vivere tutte le giornate, le attività e gli incontri, in modo nuovo: scrivendo. 

Tutto continua: in modo nuovo, ma vitale. Io ci sono. Celebrerò la Messa, senza di voi, ma con tutti voi. Pregheremo insieme. Scambieremo grandi auguri e segni di pace senza darci la mano. Faremo gli incontri di sempre e per chi vuole, come sempre, vivremo nella verità di un legame che non si spezza mai, perchè Qualcuno, al di sopra di tutti noi, lo garantisce e lo conferma. 

Guidandoci a nuove resurrezioni. 

Don Luigi

COMUNICATO VALIDO ALMENO FINO AL 3 APRILE

CONFERENZA EPISCOPALE di PIEMONTE e VALLE D’AOSTA

Comunicato dell’8 marzo 2020

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM 8 marzo 2020) in materia di prevenzione del contagio da COVID-19, condividendo il Comunicato della Conferenza Episcopale Italiana (allegato al presente Comunicato), tutta la Conferenza Episcopale Piemontese, nel segno di una comune solidarietà con chi è più provato, stabilisce quanto segue:

CONFERMA:

  • –  tutti i divieti già precedentemente espressi, ovvero sospensione di ogni attività pastorale, riunione o altro, a carattere diocesano, zonale, parrocchiale con relativa chiusura degli oratori o luoghi parrocchiali a questo destinati;
  • –  invita a lasciar aperte le chiese per la preghiera personale, mettendo a disposizione strumenti di preghiera. Si osservino le misure precauzionali già indicate.
  • DISPONE:
  • –  a partire da lunedì 9 marzo siano sospese tutte le celebrazioni delle sante Messe, festive e feriali, le altre celebrazioni liturgiche, riunioni di preghiera e pii esercizi quaresimali. I funerali potranno essere svolti in forma privata con la preghiera di commiato fatta all’aperto, in cimitero;
  • –  si sospenda la benedizione delle famiglie;
  • –  si rimanga disponibili per ascoltare le confessioni, celebrando il sacramento fuori dalconfessionale, tenendosi a debita distanza o con precauzione di idonea mascherina.I Vescovi e i Sacerdoti ricevono con l’ordinazione la grazia e la missione dell’intercessione per il proprio popolo. Sono quindi invitati a celebrare personalmente, a mettere a disposizione strumenti e momenti con i nuovi mezzi della comunicazione per pregare e meditare.

    Le comunità a noi affidate sappiano che la sospensione della preghiera comunitaria dell’Eucaristia è una grande privazione, possibile solo in un momento di grave pericolo per il bene di tutte le persone, in particolare degli anziani, mentre assicuriamo che preghiamo per loro e con loro.

    Le presenti disposizioni entrano in vigore il 9 marzo 2020 e valgono fino a quando non venga disposto diversamente.

Torino, 8 marzo 2020

XCesare Nosiglia, Presidente CEP
e tutti i Vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta

MERCOLEDÍ DELLE CENERI

Ricordando ancora  che le funzioni religiose riprenderanno regolarmente  – a meno di diverse disposizioni – DOMENICA 1 MARZO 2020 con orario regolare festivo: 9,00 – 10,30 e 18,00. 

INVITIAMO COLORO CHE HANNO SEGNATO DELLE MESSE IL GIORNO SABATO 29 FEBBRAIO ALLE ORE 18,00 A INDICARE UNA NUOVA DATA DI CELEBRAZIONE.

Domenica pomeriggio dalle 15,00 alle 17,00 ci sarà anche un ritiro spirituale in Parrocchia per prepararci bene alla Quaresima.

Sicuramente ci ricorderemo per tutta la vita questo MERCOLEDI DELLE CENERI, è così strano non potersi radunare insieme, tuttavia nel silenzio e nella ricerca di un momento per pregare e riflettere ognuno di noi avrà modo di iniziare il proprio cammino guidato dal segno principale che sta aldisopra di tutti gli altri: la PAROLA DI DIO che ci rinnova e ci vivifica in tutte le zone morte della nostra vita.

BUONA QUARESIMA!

Don Luigi 

IL VANGELO DELLA DOMENICA

ADDIRITTURA … PERFETTI! 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Che bisogno c’è di scrivere dei commenti? Il Vangelo è chiaro. Entrare nella logica del Regno di Dio, di Gesù, richiede prese di posizione per niente facili. Difficili come l’amore, l’opera più complessa del mondo. É automatico innamorarsi, ma è umano e faticoso amare … forse è per questo che Gesù definisce questo tentativo come quello di “essere perfetti come il Padre nostro celeste”, che significa che Lui con noi fa e farà così, che significa “ma quando mai ci riuscirò?    E a me cosa suggerisce l’invito al perdono, al porgere l’altra guancia, al superare l’atteggiamento dei pagani e di “quello che fanno tutti”? Cosa significa per me essere discepolo di Gesù, ossia, cristiano? 

Don Luigi

GRAZIE DI CUORE!

Un grazie di cuore a tutte le signore che si sono impegnate con tanta passione alla realizzazione di COSE BELLE, che, con la collaborazione di chi le ha comprate, ha permesso la realizzazione di COSE BUONE, anzi, MOLTO BUONE per tante altre che … ne avevano bisogno!  Proprio vero: DA COSA NASCE COSA!

CI SARANNO ANCHE VENTI RAGAZZI DEL GRUPPO GIOVANI DEL DIVIN!

In occasione della 23^ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare del 30 novembre 2019, abbiamo dedicato l’incontro a capire cosa sia quest’iniziativa e come poterci mettere in gioco.

Grazie all’organizzazione dal Banco Alimentare Onlus, che ogni giorno (dal 1989!) raccoglie le eccedenze alimentari da distribuire ai più poveri, il 30 novembre ognuno, nel suo piccolo, potrà aiutare chi è meno fortunato donando parte della sua spesa; insomma, un’occasione in cui “fare squadra” per un grande ideale quando ci ricapita?

Quel giorno, insieme a tanti altri volontari, scenderemo anche noi in campo, perché dare una mano non fa bene solo agli altri, ma anche a noi stessi; come dice il Papa nelle 10 righe per la II Giornata Mondiale dei Poveri 2018, “Non è un atto di delega […], ma il coinvolgimento personale di quanti ascoltano il loro grido”.

 

FA

Siamo sulla stessa “barca”

SIAMO TUTTI SULLA STESSA BARCA … cronache dal nostro mondo che riguardano tutti

Riportiamo la trascrizione della Conferenza sul CONGO. Condotta da Anselme Bakudila,  suo fratello Valere  con la moglie Dolores  (medico a Kinshasa)  e Maria Chiara Tropea, rappresentante delle “donne in nero”

 

Non possiamo più soffermarci ad additare vittime e carnefici, ma si percepisce un grande bisogno di collaborazione perché la guerra è una tragedia che coinvolge tutti.

Il Congo.

(Valere Bakudila – agronomo)

Prima volta dopo 50 anni transizione pacifica del potere.

Questo non significa che sia stato un passaggio del tutto pacifico perché la popolazione, la chiesa cattolica, molte associazioni,… hanno spinto molto e con molta fatica perché venissero indette elezioni democratiche.

In realtà l’attuale presidente non è stato eletto democraticamente perché chi è al potere lo è in funzione di un accordo poco chiaro.

Il problema è sempre che da una parte c’è un grande desiderio di cambiamento, dall’altra un grande desiderio di non perdere potere.

La gente vuole andare avanti, crescere come popolazione, ma ci sono ancora molte sacche di inconsapevolezza del proprio potenziale e i bambini di strada rimangono tantissimi, bambini che vengono lasciati a se stessi adducendo a pretesto il loro essere stregoni quindi soggetti pericolosi per la comunità.

Le comunità rurali hanno perso la memoria delle loro tradizioni e, di conseguenza, impoverite della loro cultura, si spostano verso le città ritenute più sicure, potenzialmente in grado di permettere loro lo sopravvivenza. E in questo modo si perdono altre conoscenze.

La necessità allora è di operare una trasformazione al basso, formando persone in grado di tornare nella loro terra di origine e renderla produttiva.

Resta il problema dell’occupazione e della scarsa sicurezza in determinati distretti (es. Congo Orientale).

(Dolores Nembunzu – medico)

Dopo un breve inquadramento storico geografico spiega che il suo ruolo di medico si è costruito nel tempo e, ascoltando un bisogno misconosciuto della popolazione femminile.

Infatti a seguito di parti difficili o complicati succede che alcune donne residuino problematiche di vario genere tra cui un’incontinenza mista per la presenza di fistole o di perdita del tono muscolare. Questo le rende delle emarginate, soprattutto all’interno delle comunità rurali, dove non hanno accesso a servizi sanitari in loco (distanza dai centri sanitari, costi per il viaggio, costi per le cure, gestione della famiglia,…) e vengono considerate reiette per la loro imbarazzante situazione socio-sanitaria.

Poter raggiungere queste donne, farle venire nella capitale per curarle gratuitamente, informarle sui loro diritti, formarle su temi di prevenzione e cura e poi chiedere loro di essere i tramiti per le altre donne delle loro comunità di origine, esprime in pieno tutta la potenzialità della popolazione femminile di questa terra.

In effetti sono le donne che mandano avanti le famiglie, sono le donne ad essere fortemente recettive nei confronti del cambiamento non solo per se stesse, ma anche, in prospettiva, per migliorare la vita futura dei loro figli.

 

 

(Maria Chiara Tropea – operatrice Donne in nero contro la guerra)

A proposito di potenzialità e coraggio si inserisce anche la protesta non violenta e caparbia delle “Donne in nero contro la guerra”, un’associazione ormai internazionale nata da un gruppo di donne israeliane che hanno detto “no” all’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Dopo un breve inquadramento storico e geografico della frammentazione di Israele e dei conflitti che si sono generati e che perdurano tuttora all’interno del Paese la presenza di donne forti e risolute nell’opporsi alla politica espansionistica e coloniale del loro governo rimanda alla stessa forza potenziale delle donne del Congo.

Sono essenzialmente donne, madri e mogli, che chiedono al proprio governo e a tutti  governi del mondo pari dignità per tutte le persone, il diritto di non essere uccisi solo perché si sta chiedendo di poter tornare nella propria casa, il dovere di non invadere e occupare la terra di altri rendendoli profughi in casa propria.

 

 

(Anselme Bakudila)

Cosa fare allora?

Non è più il tempo di piangere sul bambino coperto di mosche o di incriminare il ricco occidentale sfruttatore, ma è tempo di collaborare affinché la protesta delle popolazioni desiderose di un cambiamento riceva una risposta dalle altre persone, anche quelle che vivono al di fuori del territorio interessato.

Questo significa non ignorare i movimenti di protesta, ma all’occorrenza farne parte, significa formarsi una coscienza solidale, ma critica, ragionare tenendo conto di quanta parte attiva abbiano le multinazionali e le lobbies nell’impoverimento dei Paesi.

Una riflessione su tutte: il coltan, minerale utilizzato per la realizzazione di telefonini e altri prodotti tecnologici moderni vede Uganda e Ruanda importanti esportatori, ma curiosamente questi Paese non ne possiedono, e lo prendono in Congo.

E il Congo non ne ha alcun beneficio.

ORARI DI CATECHISMO 2019 – 2020

  • I elementare: domenica dopo la Messa delle 10.30 (ogni 15 giorni, a partire da gennaio)
  • II elementare: domenica dopo la Messa delle 10.30 (ogni 15 giorni)
  • III elementare: martedì h. 17.00/18.00
  • IV elementare: mercoledì h. 17.00/18.00
  • V elementare: mercoledì h. 17.00/18.00
  • I e II media: venerdì h. 15.00/16.00 (ogni 15 giorni)
  • III media: mercoledì h. 18.00/19.00